Mi sento vuoto…

Non è facile descrivere a parole che cosa significa sentirsi vuoti. È una sensazione causata dall‘assenza di sentimenti, la sensazione che manchi qualcosa dentro se (altro…)

Read More

Eliminare le critiche negative che rivolgiamo a noi stessi

Sei un fallito! Hai combinato un altro casino! Non hai fatto abbastanza!

Queste parole ti suonano familiari? Sono le critiche e i giudizi negativi che spesso rivolgiamo a noi stessi.

Non ti piacerebbe bloccarle? Sappi che è possibile!

Critiche dentro alla nostra testa

Abbiamo tutti delle “voci” nella nostra testa che commentano in continuazione le nostre esperienze, la qualità delle nostre decisioni, gli errori che avremmo potuto evitare e quello che avremmo dovuto fare in modo diverso. Su alcune persone, queste voci hanno un forte impatto e trasformano una situazione negativa in qualcosa di terribile. Piuttosto che essere comprensivi con la nostra sofferenza, ci criticano e ci svalutano ad ogni occasione. Queste “voci” sono spesso molto significative ed hanno un senso di familiarità: frasi automatiche, basate su regole di vita, agiscono come dei bulli che vivono nella nostra testa e ci tengono bloccati dentro ai circoli viziosi di sempre, impedendoci di goderci la vita ed essere spontanei.

Da dove vengono queste voci interiori?

Gli psicologi ritengono che queste voci interiori siano dei residui delle esperienze dell’infanzia, memorizzate nella nostra mente senza che ne siamo consapevoli. Queste regole di autodisciplina ci hanno probabilmente aiutato a sopravvivere quando eravamo dei bambini indifesi in balia degli stati d’animo e dei conflitti interiori dei nostri genitori, ma potrebbero non essere più adeguate alla nostra vita adulti. Come adulti, abbiamo maggiori possibilità di allontanarci da situazioni causa di sofferenza e possiamo fare scelte consapevoli sulla base dei nostri sentimenti, bisogni e interessi. Eppure, in molti casi, siamo così abituati a vivere secondo queste regole interiorizzate da non notarle o metterle in discussione. E inconsciamente, ci fanno percepire le situazioni in modo distorto così da sembrare necessarie e veritiere. Come le persone con la Sindrome di Stoccolma, noi ci affezioniamo ai chi ci tiene prigionieri.

Cosa succede quando le voci interiori prendono il controllo?

Se lasciate senza controllo, le voci interiori ci tengono bloccati in prigioni mentali e comportamentali. Ci spaventano facendoci credere che il mondo esterno sia pericoloso e che dobbiamo rispettare le loro regole per sopravvivere e per evitare il dolore. Seguendo (o disobbedendo rigidamente) a queste regole, i nostri comportamenti e le nostre emozioni sono più un riflesso di una realtà passata piuttosto che una reazione a quello che ci sta realmente accadendo nel presente, senza riuscire a liberarci dalle esperienze disfuzionali della nostra infanzia.

Cosa si può fare?

La Schema Therapy aiuta a comprendere l’origine di queste voci interiori negative e in che modo le nostre esperienze dell’infanzia continuano a influenzare i nostri comportamenti e le nostre emozioni da adulti. Imparare a riconoscere le nostre voci interiori e il modo in cui ci influenzano è il primo passo per iniziare a liberarci dalla loro morsa.


Bibliografia

“When the Voice Inside Your Head Turns Bad. Empowering yourself to challenge your inner critic.” Published on April 18, 2012 by Melanie A. Greenberg, Ph.D. in The Mindful Self-Express.

Read More

Fai attenzione alle cose importanti

Un professore stava davanti alla sua classe di filosofia e aveva davanti a lui alcuni oggetti. Quando la lezione cominciò, senza dire una parola, prese un grosso barattolo di maionese vuoto e lo iniziò a riempire di palline da golf. Quindi egli chiese agli studenti se il barattolo fosse pieno. Essi hanno convenuto che lo era.

barattolo1

Allora il professore prese una scatola di sassolini, e li versò nel vaso. Lo scosse leggermente. I ciottoli rotolarono negli spazi vuoti tra le palle da golf. Chiese di nuovo agli studenti se il barattolo fosse pieno. Essi dissero che lo era.

Il professore prese una scatola di sabbia e la versò dentro il vasetto. Naturalmente, la sabbia si sparse ovunque all’interno. Chiese ancora una volta se il barattolo fosse pieno. Gli studenti risposero con un unanime ‘si’. ‘

Il professore estrasse quindi due birre da sotto il tavolo e versò l’intero contenuto nel barattolo, effettivamente si riempirono gli spazi vuoti. Gli studenti iniziarono a ridere ..

‘Ora’, disse il professore non appena svanirono le risate ‘Voglio che vi rendiate conto che questo barattolo rappresenta la vita. Le palle da golf sono le cose importanti – la vostra famiglia, i vostri figli, la vostra salute, i vostri amici e le vostre passioni preferite – e se tutto il resto andasse perduto e solo queste rimanessero, la vostra vita sarebbe ancora piena. I sassolini sono le altre cose che contano, come il lavoro, la casa, la macchina.. La sabbia è tutto il resto – le piccole cose.

‘Se mettete la sabbia nel barattolo per prima,’ ha continuato, ‘non c’è spazio per i sassolini e per le palline da golf. Lo stesso vale per la vita.

Se utilizziamo tutto il nostro tempo ed energia per le piccole cose, non avrete mai spazio per le cose che sono importanti per voi.

Fai attenzione alle cose che sono cruciali per la tua felicità.

Trascorrere del tempo con i vostri bambini. Trascorrere del tempo con i tuoi genitori. Visita i nonni. Prendete il vostro coniuge a portatelo a cena fuori. Gioca un altro 18 anni. Ci sarà sempre tempo per pulire la casa e falciare il prato.

Prenditi cura delle palle da golf prima – le cose che veramente contano. Stabilisci le tue priorità. Il resto è solo sabbia.

Uno degli studenti alzò la mano e chiese cosa rappresentasse la birra. Il professore sorrise e disse: ‘Sono contento che hai chiesto.’ Le birre dimostrano che non importa quanto piena possa sembrare la vostra vita, c’è sempre spazio per un paio di birre con un amico.

Read More

Evitamento in pillole

Mutano i cieli sotto i quali ti trovi, ma non la tua situazione interiore, poichè sono con te le cose da cui cerchi di fuggire.

Seneca

È come quando c’è chi crede di essere felice andando a vivere da qualche altra parte, ma poi impara che non è così che funziona. Ovunque tu vada porti te stesso con te.

N. Gaiman

La fuga serve solo a portare altrove le tue inquietudini.

M. Gramellini

 

Read More