Adolescenza problemi

ADOLESCENZA: PROBLEMI ADOLESCENZIALI

Ti sembra che tuoi figlio abbia dei problemi adolescenzialiSpesso sono i genitori o gli insegnanti che si accorgono che qualcosa non va e propongono all’adolescente di rivolgersi ad un terapeuta. Alcuni ragazzi potrebbero accettare di buon grado questa idea mentre altri potrebbero sentirsi criticati o in imbarazzo. Quando andare in terapia è una proposta di altri, all’inizio l’adolescente potrebbe rifiutare questa soluzione. Magari si presenterà al primo incontro con lo psicologo sentendosi costretto, ma solitamente dopo il primo impatto, inizierà a rendersi conto dell’utilità di un supporto esterno.

L‘adolescenza può essere considerata un periodo critico per l’apprendimento di abilità adattive necessarie per un buon funzionamento in età adulta. È una fase in cui una terapia psicologica può avere un impatto molto positivo sullo sviluppo di un individuo. I problemi presenti nell’adolescenza possono rafforzarsi col passare del tempo e peggiorare andando avanti con l’età, portando a difficoltà a breve e a lungo termine in ambito familiare, scolastico e sociale.

Una reazione emotiva o comportamentale disfunzionale può dipendere da convinzioni distorte o dalla mancanza di alcune abilità comportamentali. In quest’ottica, la terapia ha l’obiettivo di far acquisire nuove abilità cognitive e comportamentali e agevolare esperienze che facilitino una ristrutturazione cognitiva.

Quando un adolescente sta attraversando un momento difficile potrebbe sentirsi triste, arrabbiato o sopraffatto da quello che sta accadendo e aver bisogno di parlare con un terapeuta per ricevere supporto, per comprendere i propri stati d’animo o per trovare una soluzione ai propri problemi.

Quando le difficoltà di tuo figlio non passano col tempo, è importante ricorrere al supporto di uno psicologo. L’intervento è importante non solo per risolvere i problemi attuali ma anche come prevenzione di difficoltà future.

Adolescenza problemi

Una terapia psicologica può essere utile per i seguenti problemi adolescenziali.

L’adolescente:

  • si sente triste o depresso;
  • è preoccupato, ansioso, irritabile o stressato;
  • è timido o ha difficoltà nelle relazioni con gli altri;
  • ha poca fiducia in se stesso;
  • si procura tagli o ferite da solo;
  • deve affrontare cambiamenti in famiglia (come il divorzio) o problemi familiari (come malattie, alcolismo, ecc.);
  • sta cercando di superare un evento negativo o traumatico (come la morte di una persona cara o un aggressione).

In sintesi, la terapia per i problemi adolescenziali offe un supporto quando l’adolescente sta attraversando un momento difficile che non riesce a superare da solo o con l’aiuto dei genitori.

Terapia Cognitivo Comortamentale

La Terapia Cognitivo Comportamentale viene spesso utilizzata per intervenire sui problemi adolescenziali di tipo psicologico, emotivo e comportamentale. Come negli adulti, la risposta emotiva e comportamentale è influenzata dal modo in cui viene interpretato l’evento, dal ricordo di eventi precedenti simili, dalle attribuzioni sulle cause, e dal modo in cui l’evento influenza la percezione di sé. Le convinzioni che un adolescente ha su se stesso, sugli altri e sul mondo, si creano nel corso dello sviluppo e possono essere considerate come delle abilità che possono essere apprese.